IMMAGINARIO GIAPPONESE


Fotografie di Giorgio Cosulich de Pecine e di Giulio Napolitano

30 maggio - 30 luglio 2019

Inaugurazione mercoledì 29 maggio 2019 dalle ore 18.30

182e8be0-8c5a-4dbb-be6c-fd9a57e794d4


La galleria Doozo è lieta di annunciare, la personale dei fotografi Giorgio Cosulich de Pecine e di Giulio Napolitano.

La mostra raccoglie le immagini raccolte in varie città del Giappone da due fotografi italiani. La peculiarità principale sta nel fatto che i due, lasciate a casa le macchine fotografiche da professionisti, hanno scattato queste foto con i loro telefoni cellulari. Non nuovi a questo tipo di esperimenti, si sono comportati come dei semplici viaggiatori, liberi da un atteggiamento e da un'ingombrante attrezzatura da professionisti per lasciarsi cogliere con maggior leggerezza dagli aspetti umani e culturali di un mondo totalmente diverso e nuovo, senza peròrinunciare alla qualitàespressiva e narrativa delle immagini stesse.

La misura della distanza, due fotografi e l’enigma dell’altro da sé di Irene Alison

Verso il Giappone, Giulio e Giorgio sono partiti con un bagaglio leggero. Preparato per un viaggio breve. Niente sovrastrutture, niente aspettative. Giusto poche cose: la memoria delle letture di Kawabata e Murakami, la vertigine dell’altrove, la percezione di una distanza insondabile.

Fermarsi poco, ripartire presto. Non appena arrivati, però, hanno capito che le cose sarebbero andate diversamente: il Giappone, per loro, aveva altri programmi. E quell’arrivo era solo il principio di un nuovo viaggio.

Giulio Napolitano e Giorgio Cosulich de Pecine, fanno parte di quella schiera lunghissima di esploratori e narratori incantati dalla luce del Sol Levante. Il loro viaggio è diventato un incontro, molto più intenso e emozionante del previsto, con l’altro da sé. Con una differenza, nelle fisionomie, nei gesti, nella lingua, nei rituali e nelle geografie sociali, che nei secoli ha alimentato racconti, analisi e visioni. E che, oggi, a partire da questo inizio nutre un percorso per immagini che è già pronto a proiettarsi verso nuove tappe.

Fotografi, sperimentatori, creatori di sinergie, Giulio e Giorgio, da sempre, usano la fotografia come criterio di conoscenza della realtà. Ma c’è qualcosa di diverso in questo progetto.

Sguardi documentari accorti e informati, per una volta sono arrivati preparati solo a lasciarsi sorprendere. Professionisti di grande solidità, per una volta si sono sentiti liberi dalla pressione di consegnare un lavoro. Il loro percorso per le strade del Giappone è diventato un dialogo a distanza, ognuno sulla propria rotta ma sempre uniti da un’urgenza di racconto e di confronto condivisa (maturata e consolidata nel tempo anche attraverso la lunga esperienza creativa e curatoriale fatta insieme, con il network 14&15 Mobile Photographers). Ognuno col proprio linguaggio, ma entrambi con la consapevolezza di star seguendo la stessa traccia.

Sì, perché il bianco e nero impastato e annebbiato di Giorgio e i colori caldi e densi di Giulio provano a tradurre, nel perimetro ristretto ma profondissimo dei loro scatti, lo stesso mistero.

Armati solo di un telefono cellulare – mezzo d’elezione dei due fotografi, che da anni hanno fatto dell’immediatezza e della discrezione dello strumento un valore aggiunto per la loro ricerca - mimetizzati nel flusso dei turisti, identici in tutto e per tutto ai milioni di altri in cerca di una bella immagine, di una foto ricordo, di una fugace testimonianza visiva, si sono confusi nella folla per le strade di Tokyo, Osaka, Nara, Hiroshima, Kyoto. “La maggior parte di queste foto le ho fatte tenendo mia figlia sulle spalle”, dice Giorgio Cosulich de Pecine, “sentendomi persona e non fotografo”.

Eppure, queste due persone erano in cerca di qualcosa di più: la fotografia, per loro, è il mezzo, non il fine dell’andare. Lo scopo è capire, interrogarsi, attraverso le immagini, sulla soluzione a un enigma. Cos’è davvero il Giappone? Esiste davvero una e una sola identità (e se esiste, sarà mai accessibile a un occidentale?), o esistono soltanto infiniti, differenti punti di vista su un paese che è un mosaico di contraddizioni? Ecco, allora, l’obiettivo del loro telefono soffermarsi su un giovane solo che, a notte inoltrata, mangia una zuppa in una izakaya. O sui kimono multicolori di tre geishe che scivolano via lungo la striscia d’asfalto di una metropoli. Ecco le file ordinate e i personaggi fuori dal coro, il giardino zen e le luci di una sala giochi. Modernità e tradizione. Sublime e pop. Pudore e trasgressione. Rigore e kawaii. Shintoismo e progresso a perdifiato. Ogni scatto diventa il documento di un ossimoro, il disvelarsi, davanti ai loro occhi curiosi, di un nuovo pacifico contrasto.

Come tutti gli occidentali, Giulio e Giorgio sono rapiti dall’ossessione giapponese per l’ordine. Dall’uomo che ogni giorno, a Tokyo, tiene lucido il corrimano della metro. Sono ipnotizzati dalla comunicazione visiva della città: i neon, le insegne, i cartelloni pubblicitari. Sono affascinati dalla convivenza tra identità diverse. Dalla varietà delle sottoculture. Storditi dall’energia della moltitudine e dalla potenza della dimensione collettiva, cercano pause di sospensione, ragionano sulla relazione tra individuo e contesto, tra spazio pubblico e spazio privato, andando a caccia di brevi momenti di intimità e introspezione tra la folla.

Uno scatto dopo l’altro, il Giappone li seduce, li attrae, li respinge, li meraviglia. Non si concede mai fino in fondo, ma ricambia il loro interesse con generosità. O meglio, con quella ineffabile e distante cortesia che tanto sorprende chi per la prima volta approda in quest’arcipelago e che prende il nome Omotenashi: una ricerca di armonia nell’accoglienza delle esigenze dell’ospite. E, se è vero che più è lontano il legame con una persona, tanto più è imperativo per un giapponese essere cortesi, ecco allora che, per gli uomini e le donne incontrati lungo il loro cammino, concedersi all’obiettivo diventa un dovere di ospitalità. Vicino/lontano. Simile/diverso. Noi/gli altri. Tra questi opposti, c’è spazio per la danza, per il racconto, per l’immaginazione, per la fotografia. C’è la possibilità di accorciare le distanze, o di comprenderne meglio la misura. È questa consapevolezza ciò che Giorgio e Giulio hanno messo nel loro bagaglio al ritorno. Ma, lo abbiamo detto, questo è solo un inizio. Il viaggio non è ancora finito.

 

Giorgio Cosulich de Pecine

Èun fotografo professionista nato a Roma nel 1970, con oltre vent’anni di attivitàalle spalle. Ha pubblicato reportage e servizi fotogiornalistici per le maggiori testate internazionali come Time, Newsweek, Life, Vanity Fair, New York Times, Geo. Ha esposto in Italia e all’estero, partecipando a numerosi festival della fotografia. Ha eseguito lavori di corporate per clienti come Nike, Esso, Qantas, Cathay Pacific, Saatchi&Saatchi. E’autore dei libri fotografici Il Respiro del Silenzio (1998, Ed. Ede) e Africa Express (2012, Ed. Postcart). ÈCEO e co-fondatore della piattaforma web 14&15 Mobile Photographers.

Attualmente vive a Roma, ha un contratto di collaborazione con Nike ed il suo lavoro èregolarmente distribuito in tutto il mondo dall’agenzia Getty Images.


Giulio Napolitano

Fotografo professionista, nato a Roma nel 1972.

Ha lavorato per diverse agenzie fotografiche internazionali, tra le quali l'Agence France-Presse. Il suo lavoro èstato pubblicato da Le Monde, L'Express, International Herald Tribune, Time, Newsweek, USA Today, Der Spiegel, Internazionale, Corriere della Sera e da altre testate internazionali.

Attualmente vive a Roma, ha un contratto di collaborazione con la FAO (Food and Agriculture Organization) presso le Nazioni Unite, per la quale ricopre incarichi nazionali ed internazionali. E’co-fondatore della piattaforma web 14&15 Mobile Photographers.



DOOZO – Art Books & Sushi

Direzione: Masako Tominaga
via Palermo 51/53, Roma tel. 064815655    Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.   www.doozo.it

Orari galleria: dal martedìal sabato la mattina 12h /15h sera 19.30h/22.00h domenica solo la sera.



2016-10-13 13.57.42-2

IMG 3832

IMG 2679

2016-10-11 12.46.52-3
 

Mostre Doozo

Katàlogos Fotografie di Dario Coletti
KatàlogosFotografie di Dario Colettia cura di Ilaria Falco30 settembre - 12 novembre 2019Inaug...
Immaginario Giapponese
IMMAGINARIO GIAPPONESEFotografie di Giorgio Cosulich de Pecine e di Giulio Napolitano...
OLMO AMATO - Ki Kyō
OLMO AMATOKi KyōFOTOGRAFIEdal 7 marzo 2019 al 7 maggio 2019A cura di Nour Melehi“Ki Kyō” ...
Mario Schifano - Fotografie
MARIO SCHIFANOFOTOGRAFIEin mostra dal 29 novembre 2018 al 25 febbraio 2019La galleria Doozo&nbs...
BIMI. Fotografie di Reiko Hiramatsu
BIMI. Fotografie di Reiko Hiramatsu a cura di Manuela De Leonardisin mostra dal 22 settemb...
LIGHTS OF JAPAN - Andrea Lippi
LIGHTS OF JAPANFotografie di Andrea LippiIntroduzione: Prof. Noriyuki Kai, ordinario ...
Peng Xiangjie + Khavan Khachikyan
dal 27 aprile 2017 al 19 giugno 2017 inaugurazione: giovedì 27 aprile 2017- ore 18,30 chiusura: lun...
TRIPS WITH A PLASTIC BOTTLE + HITOHIRA
24 novembre 2016 - 25 febbraio 2017TRIPS WITH A PLASTIC BOTTLE + HITOHIRAFotografie di Yasuko Okia c...
Monte Etna - Dario Coletti
MONTE ETNAfotografie di Dario Colettia cura di Manuela Fugenzi Doozo   via Palermo, 51/53...
UN MILIONE DI LUNE
UN MILIONE DI LUNE. FOTOGRAFIE DI NAOYA YAMAGUCHI a cura di Maiko Ishiguro Doozo   via Pa...
CONTEMPORANEO
CONTEMPORANEO. Fotografie di Aniello Barone, Alessandro Bianchi, Dario Coletti, Martin Devrient, Vi...
NOTHING IS - LOOK, AND IT IS
NOTHING IS - LOOK, AND IT IS fotografie di Karmen Corak a cura di Brunella Buscicchio Scherer Inaugu...
Claudio Abate e Gli Artisti
Claudio Abate e Gli Artisti   a cura di Brunella Buscicchio Scherer Inaugurazione: giovedì 1...
New Self, New to Self di Mitsuko Nagone
New Self, New to Self di Mitsuko Nagone a cura di Manuela De Leonardis giovedì 9 ottobre ore ...
Maresole. Fotografie di Marilù Eustachio
MARESOLE. FOTOGRAFIE DI MARILÙ EUSTACHIO   a cura di Brunella Buscicchio Scherer   &...
Archivio - Fotografie di Aniello Barone
  ARCHIVIO FOTOGRAFIE DI ANIELLO BARONE   a cura di Brunella Buscicchio Scherer  ...
Yasuhiro Ogawa. Yuki - Winter Journey
FOTOGRAFIA 2013 — Festival Internazionale di RomaXII edizione - VACATIO5 ottobre – 8 dicembre 20...
UDAKA SENSEI - fotografie di Fabio Massimo Fioravanti
UDAKA SENSEI   fotografie di Fabio Massimo Fioravanti a cura di Manuela De Leonardis    ...
CONCRETE - fotografie di Simon d’Exéa
CONCRETE fotografie di Simon d’Exéa a cura di Manuela De Leonardis   Inaugurazione 12 febbr...
LIFE AFTER ZERO HOUR di Mastodon
  LIFE AFTER ZERO HOUR di Mastodon (Massimo Mastrolillo e Donald Weber) A cura di Annalisa D’...

 

Doozo art book & sushi - Via Palermo 51-53, Roma - Tel. 06 481 56 55 - Email. info@doozo.it

Privacy Policy - Informativa Newsletter - Cookies Privacy Policy

 
fb icons  insta icons